Leggi l’articolo o Ascoltalo dalla tua piattaforma preferita

Google Podcasts
iHeartRadio Podcasts

Come strutturare un obiettivo

Ci sono tante attività da tenere in considerazione per poter raggiungere i nostri obiettivi, ma la principale è sicuramente quella di trasformare un desiderio in un obiettivo raggiungibile. Facciamo un esempio per capire la differenza tra desiderio e obiettivo:

Se dico: “voglio cambiare lavoro” questo è un desiderio;

Se dico:  “tra un anno voglio lavorare in una società che produce software per la gestione delle paghe” questo è un obiettivo.

In questa seconda affermazione è possibile distinguere le caratteristiche che deve avere un obiettivo, e che dobbiamo avere in mente quando ne strutturiamo uno. Allora oggi vediamo le caratteristiche a cui dobbiamo far riferimento per raggiungere con soddisfazione i nostri obiettivi.  Prendi carta e penna e inizia a scrivere i tuoi obiettivi in base all’acronimo SMART, aiutandoti anche con l’infografica che ti propongo di seguito, vediamo insieme le 5 caratteristiche:

S come SPECIFICO: dovrà essere chiaro il cosa, il dove, il come, e il quando

M come MISURABILE: stabilire la percentuale di riuscita

A come ACCETTATO: l’obiettivo dee essere scelto e accettato con consapevolezza per essere raggiunto

R come REALISTICO: deve essere reale e fattibile

T come TEMPIFICABILE: valutare in quanto tempo è possibile raggiungere l’obiettivo.

Autrice

Dr. Valentina Patacca

Psicologa del Lavoro e autrice del podcast Psicologia a Lavoro!

AUTRICE